Lingua e cultura

Plurilinguismo e Minoranze in Europa


Sono circa 50 milioni di persone, intorno al 14% della popolazione europea, ad usare una lingua diversa da quella della maggioranza della popolazione statale. Un dato che indica proprio come la diversità linguistica e socio-culturale rappresenti per il nostro continente una ricchezza da non perdere e uno dei pilastri della costruzione democratica dell’Europa.


Il panorama europeo delle lingue e culture minoritarie, però, non è omogeneo a livello normativo. Vi sono, infatti, minoranze linguistiche che hanno raggiunto alti livelli di tutela (sia grazie a decisioni politiche che a forti pressioni popolari) e sono entrate già in una fase di modernizzazione e sviluppo che permette loro di far fronte alle sfide della società contemporanea. Esistono invece minoranze linguistiche che non trovano tutt’oggi un riconoscimento ufficiale e che subiscono una forte pressione da parte delle lingue dominanti.

Logo della giornata europea delle lingue.

Anche l’Italia è un paese ricco di minoranze linguistiche. L’articolo 6 della Costituzione italiana afferma che «la Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche» ed è proprio con l’approvazione della legge 482/99 che tale principio costituzionale ha incominciato a ricevere piena attuazione.

Le lingue minoritarie riconosciute in Italia sono: albanese, catalano, croato, francese, francoprovenzale, friulano, grecanico, ladino, occitano, sardo, sloveno, tedesco.


Seguici

Componenti ARLeF

ARLeF

Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane

via della Prefettura, 13

33100 Udine

tel. +39 0432 555812

codice fiscale: 94094780304